Si avvicina il giorno della ResegUp, o meglio si avvicina il giorno della seconda sfida di quest’ anno con me stesso. Sale la tensione, iniziano i dubbi, i se e i ma, le paure.
Sensazioni già provate a Gennaio alla mia prima mezza, ma la ResegUp è altro. Sono pochi chilometri in più, ma qui non si corre sul lungolago, qui si parte dal lungolago e si va in vetta per poi scendere.

ResegUp

Purtroppo la mia preparazione si limita ai sabati e domeniche ma penso di essere preparato, preparato a mettercela tutta per arrivare dignitosamente ma soprattutto VIVO 🙂

Ho provato il percorso in due tappe, la prima da Lecco alla Stoppani e la seconda dal piazzal alla vetta con discesa. Devo dire che la parte che mi terrorizza di più è la prima, penso sia la più dura. Mi sono posto delle regole per questa prima parte, ossia non farmi trascinare dal gruppo nel pezzo stradale ma tenere il mio ritmo. Se riesco a fare come penso quando inizia la salita non dovrei avere problemi, dovrei riuscire a misurarmi. La discesa non è paglia, c’è dentro anche un paio di strappetti mica da ridere ma ho preso le misure.

Il mio obiettivo è arrivare e tagliare quel cazzo di traguardo con i miei bimbi vicini e lo sguardo rivolto a te papa, sapevi di questo mio sogno e mi hai sempre seguito. Adesso mi seguirai per tutto il percorso dentro al mio cuore.

Stay tuned……

Magari potrebbero interessarti anche: