paolo_buc_avatar_blogAnagraficamente nasco il 19 Gennaio 1974. Abito a Ballabio, sono sposato con Michela e allietano la mia vita due bellissimi scriccioli, Matteo e Cecilia.

Da sempre appassionato di montagna e trekking passo la mia gioventù in giro per le nostre montagne, facendo il volontario in  Croce Rossa e, ultimo ma primo per importanza, facendo buone ( e abbondanti) mangiate e bevute.  Col tempo la proporzione fra i tre elementi volge pesantemente verso l’ ultima attività e vengo colpito dalla malattia dell’ Agnello.

Il 12 Gennaio 2011 salgo sulla bilancia e il display impietoso dice 128 Kg. Qui posso dire che finisce la mia prima vita e comincia la seconda. In 6 mesi perdo 30 Kg, dopo 12 mesi la perdita è di 40 Kg. E qui scopro il running, uno sport che devo ammetterlo fino a quel giorno non mi diceva assolutamente nulla, ma sbagliavo! Iniziava qui il BUC 2.0

Comincio con qualche corsetta poi piano piano un poco più lunghe e cosi via. La mia passione sono le gare lunghe ma anche e sopratutto le gare in montagna, ambiente nel quale riesco ad essere totalmente a mio agio.

Il 2012 è stato il mio primo anno di vero running e da quell’anno non ho più smesso, mettendo insieme ( ad oggi ) 3 maratone e 1,5 monza resegone.

Si avete letto bene 1,5…..perchè la seconda l’ abbiamo chiusa in due e non in tre, quindi non l’avremmo chiusa ma io egoisticamnete uno 0,5 me lo porto a casa. Proprio quella notte è stata per me un bivio della mia vita sportiva. Quella notte un piccolo ( mica vero…grande) dolorino che mi trascinavo dalla maratona di Milano ha presentato il conto. Strappo all’ adduttore della gamba destra. Un male infermale…un calvario da Merate a Olginate…ma volevo provarci. Un san BRUFEN mi ha permesso di riprendermi e proseguire con i miei due soci verso serve…poi il resto è un’altra storia.

Da quella sera sono dovuto stare completamente fermo dallo sport per 3 mesi ( +8 il paesaggio raggiunto) poi per altri 6 mesi mi è stata concessa la piscina e la bici. Macinavo vasche e km e grazie a quel maledetto strappo ho compreso tante cose su cosa stavo sbagliando.

La corsa era diventata per me un’ossessione, un continuo inseguire qualcosa e questo non era quello che volevo. Grazie allo stop ho iniziato una nuova avventura dove alla corsa, con molta più montagna  sentieri che strada ma continuando ad avere nel cuore quello che secondo me è la gioia più grande che è la maratona, ho affiancato la triplice e il 27 Giugno 2016 a Sirmione ho esordito in un Triathlon Olimpico ( 1,5 km nuoto, 40 km bici e 10 km corsa).

Diciamo che questo potrebbe essere l’ inizio del BUC 3.0

La passione non si ferma e fissiamo il nuovo obiettivo 2016: IRONMAN 70.3 AIX, il 1° Maggio che chiudo nonostante i dolori e problemi sempre present, ultimo degli italiani ma lo chiudo.

Segue poi un periodo negativo fisicamente e mentalmente che mi porta a mettere su 11 Kg, arrivando per la prima volta dopo 6 anni a superare i 100.  Il 12 Settembre, carico di nuovi obiettivi e stimoli che piano piano dichiarerò decido di resettare nuovamente e ricomincio a mettere testa e passione in quello che faccio…diciamo che metto inizio al  BUC 3.0, il bradipo in corsa…..