COVID19-EUROPA

Ebbene si, la terza riflessione di questo periodo riguarda l’Europa.

Inutile negare che ho sempre avuto una posizione antieuropea, ho sempre ritenuto che il nostro ingresso nella comunità europea sia stato l’elemento che ci ha portato nella situazione economica che viviamo da anni.

Da sempre ritengo che la configurazione data a questa europa sia stata studiata ad hoc da poteri forti che ha portato le nazioni che erano a suo tempo governati da venditori di prosciutti, e non statisti di spessore, di entrare da subito con una posizione di sottomissione e perdente, calando le braghe e predisponendosi da subito a stare a 90° per anni. E questo è andato avanti negli anni, tra sacrifici e richieste di austerità varie.

Poi viene il giorno dell’emergenza, il giorno dove per la prima volta nella stiria serve che esca l’europa, la collaborazione fra stati che si sono gemellati. e la risposta? Non è un problema nostro, sono fatti vostri! E la prima risposta è quella che vale, a nulla serve poi ritrattare, promettere e mettere in atto piccole azioni. Noi la nostra prima risposta ve l’abbiamo data tirandoci indietro le maniche e mettendo giù la testa. Inutile poi dire “per l’Italia daremo quello che serve”, tanto lo sappiamo tutti che ce lo darete con il solito strozzinaggio.

Io penso sia giunto il momento di rivedere il concetto di questa europa, risistemate gli equilibri. Perché se dobbiamo essere tutti insieme nel crescere dobbiamo esserlo anche nel momento del bisogno. Non dico “ItaliaEXIT” perché allo stato attuale delle cose non ha senso ma dico un ridefinizione dei poteri, perché essere all’interno di un sistema dove 2 comandano e gli altri sudditi, non era il progetto. Una donna che da anni ci impone le sue idee e non ci permette di disporre delle nostre risorse, ci impone taglie e risparmi non permettendoci di disporre delle nostre riserve per immetterle e creare altra ricchezza. Una stronza che si fa bella senza dimenticare che la sua attuale ricchezza nasce da una concessione di abbuonare un debito di guerra dei tedeschi di altre nazioni ( tra le quali noi) che ora lei sta uccidendo. In altre parole, a mio avviso, si fa bella con i nostri soldi. (https://formiche.net/2020/03/bce-lagarde-bazooka-europa-qe/)

Linko qui di seguito due post dove si parla delle dichiarazioni delle due gentilissime signore tedesche a capo di parlamento europeo e BCE.

La legnata della LAGARDE e il ripensamento della BCE
https://www.ilgiornale.it/news/politica/coronavirus-borghi-ora-chiede-dimissioni-lagarde-1839970.html
https://formiche.net/2020/03/bce-lagarde-bazooka-europa-qe/

La posizione della Von derLyer, presidente della commissione europea, in ritardo assoluto e a mo di contentino,

https://rep.repubblica.it/pwa/commento/2020/04/01/news/europa_ursula_von_der_leyen_bruxelles_scusateci_ora_la_ue_e_con_voi-252912437/?ref=RHPPTP-BH-I252740655-C8-P4-S1.8-T1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.